LiberaVenezia

Liberi da pregiudizi, bavagli e guinzagli. Liberi di agire, per Venezia.

8 febbraio, riapre il Museo del vetro.. e gli appartamenti?

Domani 8 febbraio, a Murano, riapre il Museo del vetro ampliato grazie a finanziamenti UE e comunali (2 milioni di euro) che hanno fra l’altro permesso il ricupero di una porzione delle antiche “Conterie”. La creazione del museo risale al 1861 e alla tenacia dell’Abate Zanetti, in un contesto di crisi che, in quanto a cause e origini, presentava molti punti in comune con il contesto attuale:

http://rialtofil.com/2014/01/15/il-tesoro-ritrovato-parte-quarta-vetri-arsenico-e-segreti/

Con questa pagina inauguriamo “l’angolo delle buone notizie”, dove cercheremo di cogliere i piccoli segni che fanno ben sperare, per il futuro di Venezia e delle sue isole. Darne conto sarà anche uno stimolo per porci qualche domanda su ciò che ancora non va: ad esempio, gli altri lotti del “progetto Conterie”, che prevede edifici residenziali e potrebbe ospitare decine di famiglie (per un totale di 80 appartamenti, ottimamente collegati con i trasporti pubblici). Mentre l’albergo ha già aperto da due anni e il Museo ampliato riaprirà domani, per la consegna degli appartamenti è ancora nebbia fitta (pur essendo questi ultimati, da quel che ci risulta) ma noi siamo ottimisti e lo ricorderemo “a chi di dovere”. La descrizione del progetto è consultabile qui:

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/50703

Nella foto che segue, l’opera del Maestro Fornasier, che di notte illumina la Riva longa (il suo nome storico) all’altezza della fermata “Museo”: quella che potrete utilizzare per una visita a Palazzo Giustinian, custode di sedici secoli di storia del vetro (età romana compresa).

Fornasier

Per concludere, vogliamo ricordare che il Comune è proprietario dell’area da 10 anni, e per la consegna degli appartamenti ci saremmo aspettati una celerità comparabile a quella con cui è stato autorizzato il nuovo albergo. Dal sito ufficiale del Comune:

“Il programma di recupero del complesso delle Conterie, attraverso un’articolata serie di interventi, intende restituire all’isola un’area strategica per la sua centralità. La grande area industriale dismessa situata nel cuore dell’isola di Murano all’incrocio fra il canal Grande e il canale di San Donato, ebbe origine nel 1898 dalla fusione di un gruppo di produttori locali di vetro, già operanti nell’area per la produzione di perle e perline. La fabbrica, tra il 1940 e il 1970, arrivò a occupare più di 3.000 lavoratori e la sua chiusura nel 1993 ha consegnato l’area all’abbandono e al progressivo degrado.

Il Comune di Venezia acquisisce gli immobili nel 1995 e avvia, con una specifica Variante al PRG, la riqualificazione dell’area siglando Protocollo d’intesa con Regione del Veneto e Ministero dei Lavori Pubblici per l’avvio del Programma di Recupero Urbano. Il programma, approvato nel 1997, comprende:
–          un albergo;
–          edifici residenziali da realizzarsi da Comune e Ater;
–          residenza studentesca (successivamente mutata in social housing);
–          l’espansione del Museo del Vetro;
–          edifici produttivi;
–          spazi pubblici e un edificio di interesse collettivo”.

Palazzo Giustinian

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: