LiberaVenezia

Liberi da pregiudizi, bavagli e guinzagli. Liberi di agire, per Venezia.

Archivio per la categoria “I nostri sondaggi”

Importante! Sondaggio Mobilità acquea

Un sondaggio che vi prenderà meno di un minuto e che per noi è importante: nei prossimi giorni capirete perché. Un GRAZIE a tutti quelli che vorranno rispondere.

19 ottobre 2nd

Annunci

Sondaggio in corso: Esserci o non esserci, a queste elezioni?

Ai nostri aderenti l’abbiamo già chiesto, ma vogliamo chiederlo anche all’esterno del gruppo. Dopo che lo scandalo del MoSe ha dimostrato limiti e debolezze trasversali di partiti accomunati solo dall’avidità e da incapacità gestionali, dopo che il commissariamento di Venezia ha scoperchiato l’ampiezza della voragine di bilancio che andrà affrontata nei prossimi mesi, in una situazione che richiederà scelte dolorose da parte di chiunque sia il Sindaco eletto, una domanda sorge spontanea: non è che stavolta sarebbe più saggio affiancargli persone motivate e competenti, a questo povero Sindaco di Venezia che sarà anche (per legge) Sindaco della città metropolitana?

Perché il problema non è tanto il Sindaco quanto “la squadra” che ci amministrerà nei prossimi 5 anni, in un Comune anfibio che spazia da Pellestrina a Campalto e la cui città metropolitana si estenderà da Chioggia a San Michele al Tagliamento. Se la macchina comunale va razionalizzata come crediamo, se le partecipate devono smettere di essere centri di spesa incontrollati, se i flussi turistici richiedono una qualche forma di programmazione e via discutendo, è immaginabile che una sola persona possa fare tutto, neanche fosse Superman?

Se i problemi di bilancio sono quelli descritti (in termini apocalittici) dal Commissario Zappalorto, è pensabile che per risolverli basti eleggere un buon Sindaco? Avere un buon Sindaco è fondamentale, ma un buon Consiglio comunale lo è altrettanto.

Come gruppo ci attiveremo perché a maggio venga eletto un Sindaco integro anzi integerrimo, ma se poi i partiti gli imponessero persone inadatte, scelte col “manuale Cencelli delle correnti”,  non rischieremmo forse di avere un Superman dimezzato anzi azzoppato, con le vecchie oligarchie che (cacciate dalla porta) rientrano dalla finestra? Persone inadatte o incapaci non solo nel ruolo di Assessore, ma anche nelle partecipate che hanno sempre considerato come “cosa loro”, mentre sono patrimonio di tutti e gestiscono servizi pubblici essenziali.

Palazzo Barzizza

Lo stato di salute della laguna dipende dallo scambio d’acqua con il mare aperto, in assenza del quale la laguna diventa palude. In laguna si verifica ogni 12 ore, quel ricambio che ne garantisce la salubrità; la politica segue il ciclo di elezioni, che si tengono ogni 5 anni e la necessità di un ricambio è altrettanto evidente, a Ca’ Farsetti. Domanda: e se a candidarsi per un volta fossero anche cittadini che nel loro mestiere hanno dimostrato di saperci fare rischiando i soldi propri, e non soltanto quelli degli altri (i contribuenti)? Padri e madri di famiglia che devono fare i conti con l’aumento di imposte e tariffe e riporterebbero un po’ di buon senso nelle scelte di fiscalità locale che rischiano di strangolare famiglie e imprese?

“Civica” da cives: una lista di cittadini e non di politici di professione, per aiutare tecnocrati e politici dall’interno della “macchina”, suggerire soluzioni innovative ma aderenti alla realtà quotidiana e riportarli con i piedi per terra, ogni tanto, prima che impongano nuove tasse o taglino servizi essenziali mentre magari ci rifilano un altro ponte di Calatrava.

Su questa ipotesi di lavoro vogliamo sondare la città, di qui al primo marzo, con questa domanda: se alle elezioni comunali si presentasse, con un programma e candidati convincenti, quanti di voi potrebbero considerare l’opzione di votare:

Come comunicare?

Navigazione articolo