LiberaVenezia

Liberi da pregiudizi, bavagli e guinzagli. Liberi di agire, per Venezia.

Archivio per la categoria “La frase della settimana”

La crozzata del mese

Palma d’oro a Paolo Costa, per l’odierna dichiarazione ripresa dall’ANSA: “stiamo facendo un progetto di recupero lagunare con all’ interno un canale e non viceversa”!

san servolo

La citazione integrale (ANSA 6 marzo):

“Martedi’ presenteremo le integrazioni sull’ impatto ambientale che ci sono state richieste riguardo allo scavo del canale Contorta e potremo cosi’ dimostrare che stiamo facendo un progetto di recupero lagunare con all’interno un canale e non viceversa“. Lo ha reso noto Paolo Costa, presidente dell’ Autorità portuale di Venezia, a margine dell’ apertura del secondo Green Mobility Show, al terminal 103 della stazione Marittima di Venezia”. E ancora: “Con questo progetto (lo scavo di un maxi-canale per le Grandi Navi, NdR) stiamo implementando il piano morfologico della Laguna, che è fermo da tempo, facendo diventare barene e velme delle nicchie ecologiche, una sorta di ‘nursery’ dove ad esempio far crescere pesci ed altri animali tipici dell’ecosistema lagunare”.

Domanda: da quando in qua l’Autorità Portuale è diventata l’Autorità competente in materia di “recupero lagunare”?

A prima vista, i casi sono tre:

A) il Presidente dell’Autorità Portuale mente sapendo di mentire (quel maxicanale che nessuno di noi vuole ha ben altre motivazioni);

B) il medesimo dice la verità (sugli obiettivi dello scavo) e in quel caso non ha nessuna competenza per occuparsene;

C)  con quel progetto di devastare la laguna per poi “ricuperarla”, Paolo Costa è la reincarnazione di quell’Imperatore romano che fece dar fuoco alla città per ricostruirla meglio, dopo l’incendio.

Per chi non conosce la vicenda:

http://iamnotmakingthisup.net/22714/petition-to-halt-the-canale-contorta-solution/

Annunci

Elezioni farsa, e nuovo Commissariamento a settembre?

La frase della settimana:

“Se non avremo gli strumenti per risanare il bilancio, non so cosa possa trovare il sindaco che sarà eletto in primavera. RISCHIA DI NON RIUSCIRE A FARE IL BILANCIO E DI RIMETTERE LA CITTA NELLE MANI DI UN COMMISSARIO”.

Chi l’ha detta? Vittorio Zappalorto, il Prefetto di carriera al quale il Governo italiano ha affidato la città commissariata, e al quale ha finora rifiutato gli strumenti per adempiere al compito che gli era stato assegnato, nonostante la gravità della situazione e i ripetuti solleciti, come ha lui stesso dichiarato alla stampa locale (il virgolettato lo abbiamo ripreso dal Gazzettino).

Sono dichiarazioni di una gravità inaudita, per l’autorevolezza di chi le ha fatte (alla stampa locale) e per gli scenari che prospettano: elezioni farsa in maggio, “farsa” perché con questa situazione di bilancio e con un patto di stabilità insostenibile porterebbero ad un nuovo commissariamento a settembre, chiunque vinca le elezioni.. mentre Ca’ Farsetti è stata “occupata” dai dipendenti comunali preoccupati dalla situazione di incertezza e dalle ormai certe decurtazioni salariali.. ma la vicenda non riguarda soltanto i dipendenti comunali: a farne le spese saranno tutti i cittadini e i contribuenti, sotto forma di stangate fiscali, aumenti tariffari e tagli al trasporto pubblico locale.

LiberaVenezia intende reagire, con un comunicato stampa urgente che verrà diffuso in serata oggi, 15 febbraio.

MAV1

Funghi di allevamento?

La frase del giorno:

“Stanno nascendo in città, e li presenteremo la settimana prossima, una decina di Comitati di cittadini, tutti a sostegno della mia candidatura”.

Chi l’ha detta? ll candidato Sindaco Pellicani junior ad Antenna3 (intervista godibilissima, su Youtube).

Unanime l’apprezzamento per questo tentativo di rimediare all’impressione di una candidatura calata dall’alto: “una decina di Comitati di cittadini”, in una città in cui i cittadini si fan sempre più rari? Complimenti! Venezia è piccola e le voci corrono in fretta; fra i Comitati spontanei in gestazione già si vocifera che ci saranno:

un CDFP (Comitato Dipendenti Fondazione Pellicani), un CCPP (Comitato Coniuge e Parenti di Pellicani) e un CCBP (Comitato Compagni di Banco di Pellicani). In bocca al lupo alla decina (!!!) di Comitati di cittadini che “spontaneamente” nasceranno nei prossimi giorni: come i funghi in terraferma dopo le prime piogge d’agosto, o come quelli d’allevamento, amorevolmente accuditi nelle apposite serre?

Funghi

Navigazione articolo